Alcuni relatori 2019

Filippo Alongi

Il Prof. Filippo Alongi si è laureato in medicina e chirurgia con il massimo dei voti e lode nel 2002 e specializzato con il massimo dei voti e lode in radioterapia nel 2006. Ha frequentato inizialmente presso l’IRCCS Istituto Europeo di Oncologia e successivamente si è formato professionalmente presso l’ IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano dove poi ha lavorato dal 2006 in Radioterapia con la prima apparecchiatura di Tomoterapia in Italia. Dal 2008 è stato medico ricercatore presso il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR Istituto di Bioimaging e Fisiologia Molecolare) dove ha condotto studisperimentalisulle alte tecnologie in campo oncologico (IORT, IMRT, MRgFUS). Nel 2010, presso il reparto di radioterapia e radiochirurgia dell’IRCCS Istituto Humanitas di Milano, ha esercitato prima come Assistente e poi Aiuto Responsabile, coordinando studi e trattamenti con il primo TrueBeam in Italia. Presso l’Humanitas Cancer Center è stato referente per le patologie urologiche, del distretto testa-collo e della mammella. Ha condotto diversi studi come “principal investigator” o co-investigator” pubblicatisu diverse riviste (Radiotherapy and Oncology, International Journal of radiation Oncology Biology Physics, Radiation Oncology, Acta Oncologica,etc). Per l’Associazione Italiana Radioterapia Oncologica (AIRO), ha ricoperto diversi incarichi tra cui il ruolo di coordinatore nazionale del gruppo under 40 e segretario nazionale del gruppo prostata. E’ stato componente del direttivo esecutivo e della commissione scientifica nazionale di AIRO. E’ inoltre l’attuale coordinatore nazionale del gruppo di studio oligometastasi della stessa associazione. Il Prof. Alongi è autore di diversi capitoli di libri, di più di 220 pubblicazioni scientifiche di radioterapia e oncologia (studi clinici, reviews, editoriali). E’ stato docente a più di 150 corsi formativi e universitari, in Italia e all’estero. Ha presentato più di 200 comunicazioni scientifiche come relatore a congressi/simposi nazionali ed internazionali. Fa parte dell’”editorial board” di diverse riviste in oncologia e radioterapia (Radiation Oncology, Technology in Cancer Research and Treatment, Tumori) ed è revisore per l’EORTC, European Organization of research and treatment of Cancer. Dal 2014 e’ il Direttore della Unità Operativa Complessa di Radioterapia Oncologica dell’Ospedale Sacro Cuore-Don Calabria di Negrar(Verona). Nel 2015 ha conseguito il titolo di abilitazione nazionale a Professore di II fascia (6/I1- Diagnostica per immagini, Radioterapia e neuroradiologia). Dal 2017 è Professore Associato presso l’Università degli Studi di Brescia. Nel 2019 è diventato direttore del Dipartimento di Radioterapia Oncologica avanzato, nato dall’estensione della precedente unità operativa.

Giuseppe Basso

Mario Anolli

Mario Anolli è Professore Ordinario di materie finanziarie presso la Facoltà di Scienze Bancarie Finanziarie e Assicurative dell’Università Cattolica del Sacro Cuore a Milano. Dal 2018, è Presidente del Consiglio di amministrazione di VeraVita S.p.A. Dal 2017 è consigliere indipendente e Presidente del Comitato controllo e rischi interni del Banco BPM S.p.A. Tra il 2014 e il 2016 è stato Presidente del Consiglio di Gestione della Banca Popolare di Milano e membro del CdA dell’Associazione Bancaria Italiana (ABI).

Luca Attias

Luca Attias, ingegnere e manager del digitale, con un master in ingegneria dell’impresa, dopo una esperienza internazionale nel settore privato, dal 1999 è stato Dirigente generale della Direzione generale sistemi informativi automatizzati della Corte dei conti. Nel mese di ottobre 2018 è stato nominato Commissario straordinario per l’attuazione dell’Agenda digitale presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Il suo impegno per l’introduzione e lo sviluppo a tutti i livelli di una diffusa “cultura della società dell’informazione” lo ha portato ad ottenere in questi anni un elevato numero di importanti riconoscimenti soprattutto per la capacità di conciliare IT e managerialità. Le sue interviste e i suoi keynote sulla managerialità, la meritocrazia, la gestione delle risorse umane, la lotta alla corruzione e i rapporti di questi temi con l’informatica, sono diventati una specie di “caso” sia per i contenuti altamente innovativi che per il numero di accessi e di commenti.

Giuseppe Basso

Giuseppe Basso

Giuseppe Basso è Direttore Scientifico presso l’Italian Institute for Genomic Medicine (IIGM) a Torino dal 2018. Dal 2017 al 2018 è stato presidente presso l’Istituto di Ricerca pediatrica “Città della Speranza” di Padova. Dal 2012 al 2018 ha ricoperto il ruolo di Direttore dell’Unità Operativa Complessa di Oncoematologia Pediatrica presso l’Azienda Ospedaliera Università di Padova. Dal 2012 al 2016 ha fatto parte del Consiglio Direttivo del Centro Servizi Informatici di Ateneo dell’Università di Padova. Dal 2008 al 2011 ha ricoperto il ruolo di Direttore del Dipartimento di Pediatria presso l’Azienda Ospedaliera Università di Padova, e membro del senato accademico.

Giuseppe Basso

Umberto Bertelè

Umberto Bertelè è professore emerito di Strategia e presidente degli Osservatori Digital Innovation al Politecnico di Milano. Co-fondatore della Laurea in Ingegneria gestionale, è stato prorettore delegato per i rapporti con le imprese, presidente della School of Management e presidente (2004-2011) del MIP, la business school del Politecnico. Ha presieduto l’AiIG-Associazione italiana di Ingegneria Gestionale ed è stato docente presso Università Cattolica e Bocconi. Ha presieduto (1998-2007) TAV-Treno Alta Velocità. È stato membro del board di società nel comparto industriale, nei trasporti, nel settore bancario-finanziario e nell’ICT, tra cui Borsa Italiana, ATM, Winterthur Assicurazioni e BravoSolution. È stato membro del Collegio di Controllo Interno del Ministero del Tesoro e commissario prefettizio di Expo. Presiede il Consiglio di Amministrazione di Digital360 dal 2015. Strategia (Egea, 2016, II ed.) è il suo ultimo libro.

Giuseppe Basso

Mariasole Bianco

Mariasole Bianco è una biologa marina e divulgatrice scientifica con una grandissima passione per il mare e per la sua tutela. Dopo una laurea all’Università di Genova e una in Australia, Mariasole ha deciso di tornare in Italia per occuparsi della tutela degli oceani partendo proprio dal suo mare di casa: il Mediterraneo. Mariasole coordina la rete dei giovani professionisti della Commissione Mondiale sulle Aree Protette dell’IUCN (Unione Internazionale per la Conservazione della Natura), lavora con il settore privato sulle sostenibilità e responsabilità ambientali legate all’oceano, e ha insegnato divulgazione naturalistica all’Università di Genova. È fondatrice e presidente di Worldrise: una ONLUS dedicata alla tutela e valorizzazione dell’ambiente marino e sul coinvolgimento delle nuove generazioni: futuri custodi del patrimonio naturalistico del nostro pianeta. Dal 2015 è ospite fissa della trasmissione Kilimangiaro (Rai 3) con una rubrica incentrata sulle meraviglie degli oceani, le problematiche che li affliggono e le soluzioni che si possono adottare per salvaguardarlo. Numerose sono le sue partecipazioni come relatrice ai congressi più importanti per la conservazione della natura, dal World Conservation Congress alle Hawaii del 2016, alla conferenza internazionale delle aree marine protette in Cile del 2017 o al World Leaders Conservation Forum, in Corea nel 2018, seguito dalla sua partecipazione ad Our Ocean a Bali. Il 2019 l’ha vista partecipare come speaker e moderatrice all’evento organizzato dalle Nazioni Unite a New York in occasione della Giornata Mondiale degli Oceani. Sul suo sito web, www.mariasolebianco.com, ama definirsi una “Ocean Lover”.

Giuseppe Basso

Carlo Blengino

Carlo Blengino è avvocato e svolge la professione esclusivamente nel settore penale, con specializzazione in proprietà intellettuale, diritto dell’informatica, delle nuove tecnologie e tutela della riservatezza e dei dati personali. È fellow del Nexa Center for Internet & Society del Politecnico di Torino, ha un blog personale sul quotidiano on-line ilPOST.it ed ha pubblicato lavori con Giappichelli, UTET Giuridica, EGEA ed Aracne.

Giuseppe Basso

Gabriele Cappellato

Gabriele Cappellato nato a Padova, si laurea presso l’Istituto Universitario di Architettura di Venezia (IUAV) nel 1978 con dottorato. Collabora con studi di architettura italiani e internazionali partecipando a concorsi, progetti e realizzazioni; ha redatto un progetto di riqualificazione dell’area archeologica di Vulci. Attualmente sta completando un importante progetto di recupero in Prato della Valle a Padova e un nuovo padiglione espositivo per la Fiera di Bologna. Ha curato diversi allestimenti espositivi per importanti sedi in Italia e all’estero (Parigi-Centre Pompidou; Londra-RIBA; Madrid-Reina Sofia; Milano-Triennale). È intensa la sua attività di studio e ricerca con approfondimenti sull’architettura moderna e contemporanea, è stato direttore della rivista Opera Progetto e redattore delle riviste Parametro, Ottagono, Rivista Tecnica. Attualmente collabora con la rivista d’arte Hestetika. Ha collaborato dal 1992 con Mario Botta alla nascita dell’Accademia di Architettura di Mendrisio dell’università della Svizzera italiana ed è professore incaricato di progettazione, Dean of Students presso l’Accademia di Architettura di Mendrisio. È titolare di uno studio di progettazione ad Asolo (TV).

Barbara Caputo

Barbara Caputo è Professore Ordinario presso il Politecnico di Torino e Primo Ricercatore presso l’Istituto Italiano di Tecnologia. Ha conseguito il dottorato in Informatica presso il Politecnico di Stoccolma (KTH), Svezia nel 2005. Dal 2007 al 2013 è stata Primo Ricercatore presso l’IDIAP Research Institute, Martigny, Svizzera. Nel 2014 è risultata vincitrice del prestigioso premio internazionale ERC per il progetto ‘RoboExNovo’, grazie al quale sta sviluppando la teoria e gli algoritmi che permetteranno nel futuro prossimo ai robot di imparare dal Web autonomamente. È membro del consiglio direttivo dell’European Laboratory for Learning and Intelligent Systems (www.ellis.eu), della task-force sull’AI dell’AgID, del gruppo di esperti di AI nominati dal Ministero per lo Sviluppo Economico e del gruppo di lavoro del Ministero per l’Istruzione, Università e Ricerca sui dottorati nazionali sull’Intelligenza Artificiale.

Luigi Consiglio

Laureato in Economia e Commercio presso la Bocconi, con un MBA conseguito all’INSEAD a Fontainebleau, Luigi Consiglio lavora con GEA dal 1987. È oggi uno dei massimi esperti mondiali di industria agroalimentare e dei beni di largo consumo. In questi settori ha maturato una profonda conoscenza delle dinamiche competitive e di filiera, dei principali canali di sbocco. Ha sviluppato grandi competenze lavorando sia con aziende di produzione che con i maggiori retailer italiani. Ha assistito nella crescita alcune tra le maggiori aziende italiane attraverso l’internazionalizzazione, lo sviluppo di nuovi prodotti, l’accesso a canali distributivi diversi e ristrutturazioni di grande successo. È specialista nella ridefinizione dell’assetto strategico e nella realizzazione operativa dei maggiori cambiamenti aziendali, così come di tutte le iniziative straordinarie nella vita di un’azienda. Ha seguito progetti complessi di integrazione internazionale. In trent’anni di lavoro è riuscito a rendere GEA la prima società italiana di consulenza di direzione e il punto di riferimento assoluto per il sistema imprenditoriale del paese.

Presidente – Eccellenze d’impresa
Board Member – Club Invest
Board Member – Confimprese
Board Member – Italia del Gusto

Andrea Cuomo

Andrea Cuomo è Fondatore dell’iniziativa Sacertis, un sistema end-to-end per la diagnostica strutturale basata sul monitoraggio di opere di Ingegneria Civile. Cuomo è stato Executive Vice President, di STMicroelectronics NV, dove ha ricoperto varie cariche, fra le quali Chief Strategy and Technology Officer e Chief Markeing Officer. Fra le altre cariche è stato Presidente del consiglio d’amministrazione di 3SUN, joint venture ST nel fotovoltaico con Enel Green Power e Sharp, membro del CdA dell’Ospedale San Raffaele e Presidente di ECSEL, la Joint Undertaking Europea nel campo dei sistemi elettronici, membro dell’International Advisory Board di HEC a Parigi e di Nano-Tera in Svizzera. Cuomo è membro dell’International Advisory Board di ESADE e di SDA Bocconi, nonché membro del CdA di UBISS (UBI Sistemi e Servizi).

Francesco Daveri

Francesco Daveri è Professor of Macroeconomics e direttore del Full-Time MBA presso la School of Management dell’Università Bocconi. Ha insegnato in varie università italiane e internazionali, come l’Università Cattolica (sede di Piacenza), Parma, Brescia, Monaco e Lugano e svolto attività di consulenza presso il Ministero dell’Economia, la World Bank, la Commissione Europea e il Parlamento Europeo. Le sue ricerche si concentrano sulla relazione tra le riforme economiche, l’adozione delle nuove tecnologie e l’andamento della produttività aziendale e settoriale in Italia, Europa e Stati Uniti. È editorialista del Corriere della Sera e managing editor del sito LaVoce.info.

Federico Faggin

Federico Faggin si è laureato in fisica con 110 e lode all’Università di Padova nel 1965 e si è trasferito nel 1968 nella Silicon Valley in California, dove vive tuttora. Faggin ha creato la tecnologia MOS con porta di silicio nel 1968 alla Fairchild Semiconductor, il primo microprocessore al mondo, l’Intel 4004, nel 1971, e i microprocessori Intel 8080 e Zilog Z80 prodotto dalla sua prima ditta di startup. Faggin è stato CEO di 4 ditte di startup e coinventore del Touchpad e del Touchscreen. Dal 2011 è presidente della Federico and Elvia Faggin Foundation, dedicata allo studio scientifico della consapevolezza. Faggin ha ricevuto molti premi e riconoscimenti in tutto il mondo, inclusa la 2009 National Medal of Technology and Innovation, dal presidente USA Barack Obama.

Alfonso Fuggetta

È Professore Ordinario di Informatica presso il Politecnico di Milano ed è stato Faculty Associate presso l’Institute for Software Research della University of California, Irvine. Come Amministratore Delegato e Direttore Scientifico di CEFRIEL (dal 2005) si occupa di orientare le strategie del centro nei progetti di ricerca e innovazione e di stimolare il raccordo tra mondo accademico, istituzioni e imprese. Attualmente è parte del Gruppo Tecnico Politiche Industriali e Impresa 4.0 di Assolombarda. È stato anche membro dell’Advisory Board Industry 4.0 e dell’Advisory Board Startup Town (Assolombarda), nonchè del Comitato Ristretto su Ricerca e Innovazione di Confindustria. Ha fatto parte della Commissione Governativa sul software open-source nella Pubblica Amministrazione (2007-2008) e del Nucleo di supporto alla Struttura di Missione per l’attuazione dell’Agenda Digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri (2013-2014).

Carlo De Paoli

Carlo De Paoli, classe ’69, è fondatore e presidente di In Job, International Recruitment Company. Da 25 anni è impegnato nel settore delle risorse umane nel quale ha maturato una significativa esperienza a livello internazionale. Dal ’96 al 2000 è stato parte del top management di una multinazionale leader nel settore HR. Nel 2001 ha fondato In Job con una idea precisa: offrire soluzioni innovative nel settore della ricerca di personale e nello staffing. Oggi la sua azienda è una realtà internazionale presente in 3 continenti e con un giro d’affari di 60 milioni di euro. È Consigliere di Giunta della Camera di Commercio di Verona e Consigliere Delegato di zona del Comune di Verona di Confindustria Verona.
È autore del romanzo “Viola: un sogno, il talento, la carriera”, distribuito dalla Casa Editrice ESTE.

Veronica De Romanis

Veronica De Romanis ha studiato economia all’Università La Sapienza di Roma e alla Columbia University di New York. È stata membro del Consiglio degli Esperti presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze per oltre dieci anni, occupandosi principalmente di macroeconomia e finanza pubblica. È stata anche responsabile dei rapporti con l’Eurostat, la Commissione Europea, l’OCSE e il Fondo Monetario Internazionale. Attualmente, insegna Politica Economica Europea alla Stanford University (The Breyer Center for Overseas Studies) a Firenze, alla Facoltà di Scienze Politiche e al Master di Business Administration della Libera Università degli Studi Sociali Guido Carli (LUISS) di Roma. Dall’aprile 2015, è consigliere indipendente del Consiglio di Amministrazione, del Comitato Rischi e del Comitato Remunerazioni e Nomine della Cementir Holding Spa (Roma). È stata membro del Dipartimento di Economia del Comitato scientifico della Fondazione Einaudi. Dall’autunno 2017, è Membro del Comitato direttivo dell’Osservatorio Conti Pubblici Italiani presso l’Università Cattolica di Milano diretto dal Prof. Cottarelli, e dal 2019 del Comitato Direttivo dell’Istituto Affari Internazionali. È Membro del Comitato Internazionale dell’International Board di WE Women Empower the World e nel listing di 100esperte.it. Nel luglio 2019, ha ricevuto il Premio Profilo Donna. Collabora con diverse testate giornalistiche e riviste su temi di finanza pubblica, integrazione europea, politica economica internazionale, mercato del lavoro con particolare attenzione all’occupazione femminile. Ha pubblicato “Il Metodo Merkel” (2009, Marsilio editori), “Il Caso Germania” (2013, Marsilio editori) e “L’Austerità fa Crescere” (2017, Marsilio editori).

Paolo Fiorini

Paolo Fiorini, si è laureato in Ingegneria Elettronica all’Università di Padova nel 1976, Ha conseguito il titolo di Master of Science in Ingegneria Elettrica alla University of California, Irvine (USA) nel 1982, e il Ph.D. in Ingegneria Meccanica alla University of California, Los Angeles (USA) nel 1995. Dal 1976 al 1980 ha lavorato presso il centro ricerche Zanussi (Zeltron) di Udine, e dal 1985 al 2000, ha lavorato al NASA-Jet Propulsion Laboratory del California Institute of Technology (Pasadena, California USA), su sistemi di robotica spaziale. Nel Novembre 2000 si è trasferito all’Università di Verona dove è Professore Ordinario.

Massimo Gaudina

Massimo Gaudina

Massimo Gaudina, di nazionalità italiana è il capo della Rappresentanza a Milano della Commissione europea dal 1° settembre 2017. Negli ultimi otto anni Massimo Gaudina è stato capo dell’unità Comunicazione presso il Consiglio europeo della ricerca (CER) a Bruxelles. In tale veste ha pianificato e coordinato la strategia di comunicazione del CER, promuovendone gli inviti a presentare proposte e le storie di successo. Tra il 2007 e il 2009 ha lavorato presso la direzione generale della Comunicazione della Commissione, dove è stato responsabile dei partenariati con gli Stati membri sulle azioni di comunicazione, del progetto “Spazi pubblici europei” (spazi aperti al pubblico negli edifici della Commissione europea dei vari Stati membri, dove i cittadini possono approfondire le loro conoscenze sull’UE) e delle iniziative rivolte ai giovani e alle scuole. Tra il 2004 e il 2007 ha lavorato presso la rappresentanza della Commissione europea a Roma e, tra le mansioni svolte, ha organizzato le celebrazioni per il 50° anniversario dei trattati di Roma e lanciato lo Spazio pubblico europeo presso i locali della rappresentanza. Massimo Gaudina ha iniziato a lavorare per la Commissione europea nel 1994 come responsabile della comunicazione e prima di allora ha lavorato come giornalista in Italia. Laureatosi in Scienze politiche all’Università di Torino, Massimo Gaudina, oltre all’italiano che è la sua lingua madre, parla correntemente inglese, francese, spagnolo e ha una conoscenza di base dello svedese.

Enrico Giovannini

Enrico Giovannini ha fondato nel 2016 l’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile, di cui è Portavoce. È stato Chief Statistician dell’OCSE dal 2001 all’agosto 2009, Presidente dell’ISTAT dall’agosto 2009 all’aprile 2013. Dal 28 aprile 2013 al 22 febbraio 2014 è stato Ministro del lavoro e delle politiche sociali del governo Letta. È Professore ordinario di statistica economica all’Università di Roma “Tor Vergata”, docente di Public Management presso il Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università LUISS e membro di numerosi Board di fondazioni e di organizzazioni nazionali e internazionali, tra cui l’Organizzazione internazionale del lavoro.

Andrea Granelli

Andrea Granelli

Andrea Granelli è fondatore e presidente di Kanso (consulenza nell’innovazione e change management). Nel 1989 entra in McKinsey a Lisbona. Nel 1995 diventa il braccio destro di Nichi Grauso – fondatore di Video On Line (VOL) – e partecipa al lancio di Internet in Italia. Nel 1996 vende VOL a Telecom Italia e fa nascere tin.it di cui fa l’AD per diversi anni. Nel 2001 è nominato AD di Tilab e responsabile delle attività R&S del gruppo Telecom. Ha creato molte aziende e lanciato diverse iniziative: TILab, Loquendo, il fondo Saturn (New York), l’Interaction Design Institute di Ivrea. Scrive periodicamente di tecnologie digitali e innovazione su quotidiani e riviste e ha pubblicato diversi libri. È stato presidente dell’Archivio Storico Olivetti ed è professore alla LUISS Business School.

Bruno Lamborghini

Bruno Lamborghini è stato Chief Economist, direttore e amministratore con ruoli di presidenza nel Gruppo Olivetti, presidente dell’Associazione Archivio Storico Olivetti. È attualmente consigliere (e past president) di Prometeia, past president di AICA (Associazione italiana di informatica e calcolo automatico) e docente di Organizzazione aziendale all’Università Cattolica di Milano. È altresì presidente della Fondazione Amiotti di Milano (ente per l’innovazione dell’istruzione scolastica). A livello internazionale ha presieduto Eurobit (Federazione europea delle associazioni industriali nazionali dell’industria ICT) ed EITO (European Information Technology Observatory). È stato, inoltre, presidente del Business Industry Advisory Committee (BIAC) presso l’OCSE a Parigi. Autore di libri e saggi di economia industriale, in Italia e presso la Comunità Europea ha coordinato diversi comitati a livello industriale e governativo e attualmente collabora con l’ISTAO (Istituto Adriano Olivetti) di Ancona.

Salvatore Majorana

Salvatore è Direttore del Kilometro Rosso (Bergamo), il distretto dell’innovazione che ha la missione di favorire la collaborazione tra imprese ed enti di ricerca, accompagnando i processi di trasferimento tecnologico e sviluppo di nuovi prodotti e relative competenze. È stato Direttore del Technology Transfer di IIT – Istituto Italiano di Tecnologia (Genova), con responsabilità sulla protezione e valorizzazione della proprietà intellettuale, sviluppo di collaborazioni con l’industria e ha svolto un ruolo attivo nell’avvio di Spin Off della ricerca. Ha diretto una società d’investimento orientata alle PMI, è stato manager in AT Kearney e Deloitte e Investment Analyst per il fondo Kiwi II di Elserino Piol. Inizia la sua carriera in CSELT – Telecom Italia Lab dopo essersi laureato con lode in ingegneria all’Università di Catania; è stato visiting scholar a UC Berkeley (USA) e ha conseguito l’MBA dell’INSEAD (Francia e Singapore). Tra gli incarichi ricoperti, è oggi Expert Reviewer dell’ERC – European Research Council e dell’EIT – European Institute of Innovation & Technology per i finanziamenti a progetti d’impresa ad alto contenuto tecnologico, presidente della giuria del Premio Gaetano Marzotto “Dall’idea all’impresa”, mentor di start-up nel circuito Unicredit Start Lab, membro del direttivo del Digital Innovation Hub di Bergamo, membro del Comitato Tecnico Scientifico del Competence Center MADE, membro del direttivo APSTI – associazione dei parchi scientifici italiani, membro del Comitato Tecnico Scientifico della FROM – Fondazione per la ricerca dell’ospedale Papa Giovanni XXIII e speaker e formatore sui temi dell’innovazione in diversi contesti.

Alberto Mattiello

Alberto Mattiello è curatore della collana The Future Of Management per MIT Sloan Management Review (GueriniNext 2019), autore di Marketing Thinking (Egea, 2017) e co-autore di Mind The Change (GueriniNext, 2017). Vive a Miami, Florida ed è director del progetto Future Thinking, acceleratore internazionale d’innovazione di Wunderman Thompson. È membro del Comitato Scientifico Piccola Industria di Confindustria con l’obiettivo di sviluppare crescita attraverso l’innovazione e co-fondatore di Eitherland – Meaningful Workplaces, con la quale disegna soluzioni per il futuro del lavoro. Keynote speaker internazionale, ha insegnato in diversi atenei inclusa la Bocconi University e l’Imperial College Of London.

Matteo Montan

Matteo Montan, 56 anni, dall’ottobre dell’anno scorso è il CEO del Gruppo editoriale Athesis, media company di riferimento del lombardo-veneto di cui fanno parte numerosi quotidiani, siti online, TV e radio leader nelle province di Verona, Vicenza, Brescia e Mantova, oltre alla media agency Publiadige, alla società di stampa Sea ed alla casa editrice di libri di qualità Neri Pozza a Milano. Matteo è un profondo conoscitore della media industry, un forward thinker con 30 anni di esperienza nazionale ed internazionale che – prima come giornalista e poi come manager – ha dedicato la sua intera vita professionale alla rivoluzione di questo settore. Laureato in giurisprudenza, Matteo ha debuttato come reporter negli anni ’90, scrivendo per la Gazzetta di Parma, il più antico quotidiano d’Italia, ed il Corriere della Sera ed ottenendo importanti riconoscimenti tra cui il “Premiolino” nel 1988 ed il premio “Cronista dell’anno” nel 1999 dalle mani del Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi. Negli stessi anni ha pubblicato i libri “La città a parole”, con Guanda, e “Golpe di Pietro”, con Stampa Alternativa. Nel 2000 però, Matteo lascia il giornalismo attivo per lanciare insieme ad un gruppo di amici Buongiorno Spa, la più importante storia di successo dell’industria digitale italiana, una start-up divenuta in pochi anni una multinazionale leader nella produzione e distribuzione di contenuti e servizi per il mobile. In Buongiorno (poi confluita in Docomo Digital dopo l’acquisizione da parte dell’omonimo colosso giapponese delle telecomunicazioni), Matteo ha ricoperto ruoli di grande responsabilità a diretto riporto del CEO – da editor-in-chief a Head of Global Products fino ad Head of New Business – occupandosi di product e business development a livello internazionale, acquisizioni ed integrazioni, sviluppo di nuove iniziative disruptive, aggiungendo così alla forte esperienza editoriale delle origini solide competenze manageriali e di leadership. Nel 2013, a seguito dell’acquisizione di Buongiorno, Matteo ha scelto di tornare al mondo dell’editoria tradizionale, deciso a portare il proprio contributo ad un settore in evidente sofferenza. La prima esperienza come CEO è stata al Gruppo Gazzetta di Parma, azienda con una posizione dominante sul mercato locale (oltre allo storico quotidiano, TV, radio, digital e concessionaria) ma con una esigenza non più rimandabile di ristrutturarsi e riposizionarsi. Sotto la sua gestione, si è realizzato un totale cambiamento del gruppo in termini di offerta, organizzazione industriale e struttura di costo. I profitti sono tornati in meno di 2 anni e l’azienda ha regolarmente fatto meglio del mercato di riferimento (diffusione e pubblicità), superando l’80% di quota di mercato e più che raddoppiando il business digitale. Completato il suo progetto a Parma, Matteo a fine 2018 è stato chiamato come CEO in Athesis. Da allora sta guidando insieme a tutto il team la trasformazione del Gruppo da editore puro a media company sempre più integrata con un territorio straordinario , del cui sviluppo essere – attraverso iniziative come il Festival del Futuro – non solo lo storyteller ma anche il protagonista e promotore.

Gianmarco Montanari

Gianmarco Montanari, coniugato e con due figli, è Direttore Generale della Fondazione Istituto Italiano di Tecnologia. Ha ricoperto posizioni apicali in diverse aziende appartenenti a differenti settori industriali: automotive, management consulting, bancario, servizi e pubblica amministrazione. Ha seduto e tuttora siede in Board di società quotate e non, pubbliche e private, come Fineco Bank e l’AGID. Montanari ha conseguito cinque lauree in Ingegneria Gestionale presso il Politecnico di Torino, Management, Economia, Scienze Politiche e Giurisprudenza presso l’Università di Torino, nonché diverse specializzazioni in Management presso Business School italiane ed internazionali (Columbia, INSEAD, IMD, Bocconi). È autore dei libri “The Samsung Way” e “Tech Impact – Luci e ombre dello sviluppo tecnologico”. Nel 2013 è stato insignito del titolo di Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana e nel 2017 è stato nominato Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana.

Francesca Pasinelli

Dopo la laurea in Farmacia nel 1983 e la specializzazione in Farmacologia nel 1987, ha lavorato come ricercatrice e successivamente ha ricoperto varie posizioni manageriali in importanti industrie farmaceutiche internazionali. Dal 2009 è Direttore Generale della Fondazione Telethon, charity che raccoglie fondi per far progredire la ricerca scientifica finalizzata alla cura delle malattie genetiche; ha introdotto una procedura di assegnazione dei fondi sulla base di rigorosi criteri di qualità e trasparenza, ispirata ai migliori modelli internazionali. Parallelamente ha messo a punto un modello di gestione del portafoglio progetti che ha permesso di sviluppare terapie innovative per gravi malattie genetiche, anche attraverso programmi efficaci di trasferimento tecnologico. Nel 2005 le è stato conferito il Premio Marisa Bellisario, nel 2007 l’onorificenza di Commendatore al Merito della Repubblica Italiana e nel 2018 il Premio Sonia Skarlatos Public Service Award (American Society for Gene and Cell Therapy).

Alessandro Perego

È Professore ordinario al Politecnico di Milano, dove insegna Logistics Management nel Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale. È Direttore del Dipartimento di Ingegneria Gestionale e membro del Senato Accademico del Politecnico di Milano. È Fondatore e Direttore scientifico degli Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano. È Direttore dell’IoT Lab del Politecnico di Milano. È Membro del CdA del MIP Graduate Business School. È Membro Fondatore della Fondazione Banco Alimentare. È Direttore del corso in Gestione Strategica degli Acquisti e della Supply Chain al MIP Politecnico di Politecnico.

Francesco Profumo

Professore di Macchine e Azionamenti Elettrici del Politecnico di Torino, è Presidente di ACRI dal maggio 2019 e Presidente della Compagnia di San Paolo dal maggio 2016. Precedentemente è stato Preside della Facoltà di Ingegneria (2003-2005) e Rettore del Politecnico di Torino (2005-2011), Presidente del CNR (2011-2012) e Ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca (2011-2013). Ha ricevuto 10 Lauree e Dottorati Honoris Causa in Ingegneria ed Economia Aziendale. Il Prof. Profumo è stato Presidente di IREN Group (2013-2016) e di INWIT (2015-2018) e membro del Consiglio di Amministrazione di Fidia (2006-2011), de Il Sole 24 Ore (2007-2009), di UniCredit Private Banking (2008-2010), di Telecom (2011) e di Pirelli (2011). Il Prof. Profumo è Presidente della Business School ESCP Europe – Torino Campus (2014-oggi), Presidente della Fondazione Bruno Kessler (FBK) (2014-oggi), Presidente del Collège des Ingénieurs (2014-oggi), membro del Consiglio di Amministrazione di ENNOVA (2016-oggi), di AQUAFIL (2018-oggi) e di REAM SGR (2016-oggi).

Gian Luca Rana

Gian Luca Rana, nato a Verona nel 1965, da oltre trent’anni guida il Pastificio Rana, fondato dal padre negli anni ’60. Con lui, l’azienda è passata dall’essere una realtà artigianale locale a un player internazionale, mantenendo salde radici nel territorio veronese. Gian Luca Rana ha saputo intuire sia il potenziale di una categoria all’epoca di nicchia sia del Pastificio, comprendendo che per crescere era necessario puntare sull’innovazione, motore fondamentale per sviluppare quel processo di cambiamento che avrebbe proiettato Rana nel futuro. Il processo di innovazione non si ferma però al prodotto, ma coinvolge anche il processo produttivo, da qui la decisione di creare, più di due decadi fa, il Centro Ricerca & Sviluppo e nel 2018 la Casa dell’innovazione, incubatore di idee per la creazione dei piatti del futuro. Gian Luca sviluppa una strategia di internazionalizzazione che porta l’azienda ad espandersi globalmente, attraverso anche una serie di acquisizioni, tra cui la belga Mamma Lucia, che sancisce l’entrata nel mercato dei piatti pronti freschi. Dopo aver conquistato l’Europa, nel 2012 Rana sbarca negli Stati Uniti e apre uno stabilimento a Chicago, con lo scopo di produrre e distribuire pasta e sughi freschi in America. I prodotti Rana hanno avuto un tale successo che è stato realizzato un secondo sito produttivo americano che sarà operativo entro fine 2019. Nel 2017, grazie all’acquisto dello stabilimento di Moretta (CU), il numero totale degli stabilimenti sale a 7 (5 in Italia, 1 in Belgio e 1 in USA). Accanto all’impegno nell’azienda di famiglia, Gian Luca Rana ha sempre tenuto vivo il legame con il suo territorio, concretizzato negli anni con un costante impegno verso la città e la provincia, ricoprendo diverse cariche di rilievo in enti pubblici e privati. Cariche ricoperte da Gian Luca Rana Dal 2005 al 2009 Gian Luca è presidente di Confindustria Verona, il più giovane imprenditore dal dopoguerra a oggi a ricoprire questo ruolo. Durante il suo mandato si fa portavoce del concetto di “etica di impresa”, volto a promuovere un coinvolgimento tra spirito imprenditoriale e passione per lo sviluppo territoriale, reso possibile attraverso l’innovazione, l’internazionalizzazione e l’aggregazione fra le aziende. Dal 2005 al 2014 fa parte del Consiglio di Amministrazione di Banca Popolare di Verona. Dal 2010 Gian Luca è Presidente di Athesis, il gruppo editoriale che raccoglie diverse testate ed emittenti radio e tv del Nord Est, tra cui L’Arena. L’impegno verso l’innovazione e la crescita aziendale di Gian Luca Rana è stato suggellato sia in Italia che all’estero. Nel 2018 ha ricevuto il premio Eccellenze d’Impresa 2018 promosso da Harvard Business Review Italia, mentre nel 2019 la Fordham University di New York l’ha premiato per il percorso imprenditoriale compiuto negli USA con l’International Awareness Award.

Giuseppe Recchia

Laureato in Medicina e Chirurgia all’Università di Padova, è stato Research Fellow presso la State University New York – Downstate Medical Center di Brooklyn, NYC. Ricercatore dal 1984 presso il centro GlaxoSmithKline di Verona, ha collaborato allo sviluppo dei prodotti della ricerca italiana ed ha ricoperto il ruolo di Direttore Medico & Scientifico dal 1993 al 2018. Vice Presidente di Fondazione Smith Kline dal 2015, è sponsor dei progetti “Digital Therapeutics Italia” e “Intelligenza Artificiale per Ricerca e Salute”. Dal 2019 è direttore della rivista di Fondazione “Tendenze Nuove”. È co-fondatore e CEO dal 2019 di daVinci Digital Therapeutics, la prima startup innovativa italiana per la ricerca, lo sviluppo e la commercializzazione di terapie digitali per il trattamento di malattie croniche e dipendenze.

Odile Robotti

Odile Robotti è amministratore unico di Learning Edge srl, una società specializzata nell’ottimizzazione del talento organizzativo e nella formazione. Odile è molto attiva sui temi dell’inclusione e della diversità, in particolare legate al genere e all’età. Autrice dei libri Il Talento delle Donne (Sperling & Kupfer, 2013) e Il Magico Potere di Ricominciare (Mind Edizioni, 2019), Odile è country leader del 30% Club Italy, presidente e fondatrice dell’organizzazione di volontariato MilanoAltruista, dell’Associazione di Promozione Sociale ItaliaAltruista e dell’organizzazione di volontariato Dress for Success Milan.

Emilio Rossi

Emilio Rossi è Senior Advisor di Oxford Economics e Presidente di EconPartners, società con cui fornisce consulenza per pianificazione strategica, internazionalizzazione delle imprese, valutazione di investimenti e stress test per primarie banche (come da richieste della BCE). Dopo alcuni anni al CNR, è stato Senior Economist al Centro Studi ENI. Successivamente ha svolto incarichi apicali in Standard&Poor’s/DRI (Managing Director South Europe, Managing Director Europe) e in Global Insight come Managing Director Consulting Services. Ha contribuito a numerosi progetti della Commissione Europea. È autore di numerose pubblicazioni, scrive su giornali e riviste specializzate e tiene seminari presso la Scuola di Formazione della Presidenza del Consiglio.

Enrico Sassoon

Enrico Sassoon è laureato in Economia e Commercio (1973), Scienze Politiche (1980) e Storia (2010). Inizia la carriera professionale all’Ufficio Studi della Pirelli (1974-1977). Dal 1977 fino al 2003 lavora a Il Sole 24 Ore con incarichi di crescente responsabilità: Direttore responsabile di Mondo Economico, L’Impresa e altre testate; Direttore Scientifico di gruppo (1997- 1998) e direttore responsabile Sole 24 Ore Web (2000-2001). Dal 1998 al 2006 è CEO della American Chamber of Commerce in Italy e dal 1996 è presidente di Global Trends-Ricerche. È stato fondatore e direttore responsabile della rivista online AffariInternazionali. Dal 2006 è direttore responsabile ed editore di Harvard Business Review Italia (Strategiqs Edizioni). Ha pubblicato oltre 2mila articoli su Il Sole 24 Ore, Mondo Economico e altre testate, oltre 100 saggi su riviste accademiche e 10 libri su temi di economia, commercio internazionale, tecnologia e ambiente.

Raphael Siwiti

Raphael Siwiti è Partnership Manager della divisione Nutrizione presso il World Food Programme (WFP) con sede a Roma. Fornisce supporto al Direttore nella creazione di partnership con il settore privato e guida lo sviluppo di iniziative nell’ambito del retail. Raphael vanta una lunga esperienza nel settore Sviluppo e in quello del privato, ed è specializzato negli investimenti da destinare alla nutrizione. Di recente, Raphael ha ricoperto il ruolo di Liaison Officer per il WFP, in particolare per il progetto Scaling-Up Nutrition Business Network che supporta un numero in continua espansione di network nazionali, ponendosi l’obiettivo di accrescere gli investimenti privati destinati alla nutrizione. Precedentemente, ha lavorato per il WFP in Zambia, dove ha contribuito grazie alla propria guida strategica a coinvolgere con successo oltre 40 aziende locali per incrementare il livello di investimenti in quest’ambito. A Raphael va inoltre attribuito il merito del progetto “Good Food Logo” – un’iniziativa relativa all’etichettatura dei prodotti in Zambia con l’obiettivo di aiutare i consumatori a individuarne le proprietà nutritive nei negozi. Prima di unirsi al WFP, ha trascorso 4 anni presso la sede di Unilever in Zambia, diventando uno dei brand manager più giovani e apprezzati, grazie alle tecniche di marketing e vendite ritenute innovative. Raphael si è laureato in Marketing presso l’Università di Greenwich.

Stefano Sordelli

Stefano Sordelli è in Volkswagen dal 2003. Dopo 5 anni al reparto Marketing della marca SEAT si è trasferito a Martorell (Barcellona), per un’esperienza internazionale presso la Casa Madre dove si è occupato di vendita nel reparto Export. Nel 2010 è rientrato a Verona, assumendo prima il ruolo di responsabile Marketing e successivamente di Direttore Vendite del Marchio spagnolo in Italia. Nella nuova mansione di Future Mobility Manager, che ricopre dal settembre 2018, rientra la responsabilità di garantire la corretta conoscenza, lo sviluppo e l’ampliamento dell’offerta di prodotti e servizi legati alle future esigenze di mobilità

Paola Testori Coggi

Paola Testori Coggi ha svolto la sua carriera nella Commissione Europea dove ha ricoperto vari incarichi nei settori dell’ambiente, salute, protezione del consumatore e ricerca. È stata Direttore Generale Salute e Consumatori fino al 2014: tra le sue realizzazioni da sottolineare il Libro Bianco sulla sicurezza alimentare, la creazione dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare di Parma, le nuove direttive sulle cure dei pazienti, le malattie rare ed i farmaci, la difesa della salute pubblica come investimento per la crescita. In seguito è rientrata in Italia ed ha lavorato per il Ministero della Salute in qualità di Presidente del Comitato Prezzi e Rimborso dell’Agenzia del farmaco fino al 2018. Testori è una biologa con master in Eco-tossicologia e una Laurea Honoris Causa in Medicina veterinaria. Le è stato conferito il titolo di Ufficiale della Repubblica Italiana.

Antonio Vetrò

Antonio Vetrò è ricercatore senior presso il Centro Nexa su Internet e Società, nel Dipartimento di Automatica e Informatica del Politecnico di Torino, e affiliato al Future Urban Legacy Lab. In precedenza, è stato postdoc presso la Technische Universität München (Germania) e junior scientist presso il Fraunhofer Center for Experimental Software Engineering (MD, USA). È specializzato in metodologie empiriche per l’ingegneria del software e conduce studi interdisciplinari sul rapporto tra tecnologie digitali e società. Attualmente svolge attività di ricerca e docenza focalizzate sui bias nei dati e negli algoritmi di sistemi decisionali automatici.

Mauro Zamboni

Mauro Zamboni è Direttore del Dipartimento Medico Generale dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona dal 2016, Direttore del il Dipartimento Funzionale “Healthy Aging Center”. Dal 2012 Professore Ordinario di Medicina Interna e Geriatria e Direttore della Scuole di specializzazione in Geriatria, Direttore UOC Geriatria AOUI Verona.